logo
Polkadot Governance

Polkadot Governance

June 9, 2020 in Governance. Polkadot, Community

By Joe Petrowsky

Vivere è movimento, e il movimento è cambiamento e alterazione, quindi l'unica alternativa al movimento è l’ immobilità, stasi, morte. — Faulkner

Polkadot e le sue parachain dovranno mutare nel tempo per rimanere rilevanti e abbiamo progettato Polkadot per avere un processo trasparente e sofisticato, non solo per approvare o rifiutare le modifiche, ma anche per metterle in atto automaticamente.

Tutti i sistemi si evolvono o muoiono e le blockchain non sono esenti da questa legge universale. La facilità di gestione del cambiamento, la consapevolezza che qualcuno possa risolvere un problema o aggiungere una nuova funzionalità, è uno dei vantaggi dei sistemi centralizzati. Ma per essere sostenibili sul lungo periodo, i sistemi devono decentralizzarsi. Le economie che interrompono i flussi commerciali, le dittature che bloccano la migrazione e le lingue che non accettano parole nuove muoiono o sono già morte.

Il filo conduttore di questi esempi è la mancanza di azione, percepita o reale. Quando le persone non hanno i mezzi per organizzare o esprimere le loro voci, o quando pensano che le loro voci siano impotenti, escono.Come il prodotto di un'azienda centralizzata, l' user agency potrebbe essere cosi semplice da sentirsi come un feedback sul prodotto, come ad es. i problemi di privacy, si viene ascoltati. In uno stato nazione, l'agenzia potrebbe significare avere la libertà di creare il proprio futuro. Gran parte del dibattito sulla disuguaglianza socio-economica non ruota attorno alla disuguaglianza di per sé, ma al fatto che il sistema è truccato.

L'effetto del cambiamento dipende da ciò che sta cambiando. Mentre il cambiamento nei sistemi decentralizzati assume forme diverse rispetto a quelli centralizzati, gli esseri umani hanno sviluppato modi per gestire il cambiamento. Le lingue, forse i sistemi più decentralizzati di tutti, possono cambiare con una miriade di metodi, alcuni prescrittivi (ad es. l'académie française) e alcuni descrittivi, in cui gli utenti di una lingua prendono il controllo e creano una comprensione collettiva del significato di una parola. I cambiamenti prescrittivi spesso seguono quelli descrittivi; per esempio, la maggior parte delle guide di stile inglese ora consente il "+ they al singolare".

In linguistica, l'idea di morte si riferisce al tasso di cambiamento di una lingua, non se le persone la parlano ancora. I linguisti classificano il latino come una "lingua morta", anche se alcune persone lo parlano ancora oggi. Le lingue cambiano nel tempo perché le persone inventano o scoprono nuove cose che vogliono comunicare, o vogliono esprimere sentimenti in modi nuovi o le nuove generazioni sfidano le vecchie visioni del mondo.

Le stesse blockchain sfidano visioni del mondo radicate e, per farlo, hanno bisogno di un modo per evolversi. Questa evoluzione è già avvenuta; Le blockchain sono nate come un modo per esprimere transazioni finanziarie, ma si sono rapidamente evolute per esprimere operazioni zero-knowledge (conoscenza zero) o logica astratta. Nessuno sa come le persone utilizzeranno le blockchain in futuro, ma lanciarne sempre di nuove con nuove idee non è sostenibile.

Fino ad ora, i framework di governance blockchain hanno affrontato diversi problemi. I fork dividono le comunità, così come il software e la dipendenza dalla sicurezza e dall'adozione crea un gioco a somma zero dal quale emerge una sola chain. Alcuni affermano di non avere alcuna governance e i gruppi possono forkare la rete su parametri come la dimensione del blocco e devono difendere i propri fork con religioso fervore. Altri usano collettivi off-chain che si organizzano tramite telefonate o conferenze, il che porta a gerarchie occulte dove solo poche persone non individuabili prendono decisioni, o in carenza di una struttura per prenderle, la comunità non avanza mai nel prendere decisioni. Questi problemi hanno portato alcuni ad attuare protocolli di voto monetario per prendere decisioni. Il voto a moneta è un buon primo passo verso una governance trasparente, aperta e on-chain, ma una bassa affluenza alle urne lo rende suscettibile al controllo di un voto da parte di grandi elettori. In tutte le blockchain fino ad oggi, la governance si ferma al processo decisionale. Anche se un voto collettivo o monetario porta a un accordo, non hanno i mezzi per mettere in atto la loro decisione; il vero potere sta ancora al di fuori del protocollo, ad esempio con i miner o i validatori. Solo perché un paese ha delle elezioni non significa ad esempio che la gente lo consideri una democrazia; il sistema deve includere i mezzi per attuare il risultato. Lo stesso vale per le blockchain. Il voto usando la coin non è sufficiente se non è vincolante.

Abbiamo progettato Polkadot col principale obiettivo di unire le blockchain, in modo che gli utenti possano esprimere i propri desideri on-chain, mantenendo e aggiornando il sistema senza forkarlo.

L'origine dei collettivi

Polkadot ha diversi modi con cui gli utenti possono esprimere i loro desideri di cambiamento. Oltre a semplificare la proposta di modifiche da parte degli utenti, Polkadot fornisce la struttura per formare gruppi di collettivi con privilegi univoci. La motivazione dietro i collettivi deriva dal vedere i voti in altri protocolli decentralizzati o applicazioni controllate da un singolo elettore. Queste decisioni hanno incluso argomenti delicati come l'eliminazione dell'applicazione.

In definitiva, glii stakeholder dovrebbero avere il controllo, motivo per cui tutti i cambiamenti su Polkadot passano attraverso dei referendum pubblici, ma gli stakeholder dovrebbero anche avere la capacità di eleggere la rappresentanza per tali decisioni. I collettivi proteggono le masse di utenti più passivi dai capricci di un unico grande token holder.

Polkadot ha due collettivi speciali legati alla governance: il Consiglio e il Comitato tecnico. Soddisfacendo determinati criteri, questi due collettivi possono chiamare funzioni privilegiate che influenzano il modo in cui una proposta di cambiamento va a un referendum. Polkadot esprime il privilegio usando le Origins. Nella maggior parte dei casi, ad es. il tuo tipico trasferimento, l'origine è solo l’ account che ha inviato la transazione. Ma Polkadot può esprimere origin diverse a determinate condizioni, come avere due terzi di un collettivo che sottopone la stessa transazione e chiama funzioni una volta che hanno raggiunto l'origine elevata.

Un esempio di funzione privilegiata, il sistema Nominated Proof of Stake (NPoS) ha una funzione che cancella gli slash in coda [1] e richiede un'origin "Slash Cancel", che esiste quando almeno il 75% del Consiglio approva l'annullamento dello slashes.

Il Consiglio

Il Consiglio (Council) è un collettivo on-chain che esiste per rappresentare gli stakeholder passivi. Lo fa proponendo cambiamenti importanti e annullando proposte indiscutibilmente pericolose. Qualsiasi holder di token DOT può candidarsi per il Consiglio , ma è in gioco la sua reputazione e dovrà agire in buona fede per la rete.

Polkadot verrà lanciato con un Consiglio di tredici seggi, espandendosi gradualmente fino a 23. Le elezioni del Consiglio utilizzano uno schema di voto di approvazione in cui gli utenti possono votare per qualsiasi numero di candidati che supportano. L'elezione utilizza lo stesso processo Phragmen come selezione del validatore per scegliere i consiglieri, selezionando la configurazione più sostenuta. Phragmen è un metodo di voto di approvazione in cui gli utenti selezionano tutti i candidati accettabili e l'algoritmo di conteggio dei voti trova l'insieme di consiglieri che hanno il sostegno cumulativo più ampio, il Consiglio più accettabile.

L'elezione del Consiglio tiene anche conto dell'ordine in cui gli utenti votano per i consiglieri, assegnando loro un punteggio in base a quanti sono in testa. Il consigliere con il punteggio più alto è il primo consigliere; se i primi voti sono favorevoli, ciò vale per tutti gli astenuti alla fine di un periodo di votazione del Consiglio. [2]

Un consigliere può inviare una proposta al sistema di governo. In questo esempio, un consigliere ha proposto un nuovo conteggio dei validatori. Se un numero sufficiente di consiglieri vota per approvarlo, alla fine si terrà un referendum pubblico.

Il Consiglio mantiene la propria coda di proposte, separata dal pubblico, e vota sulle proposte che dovrebbero avere la priorità assoluta per il prossimo referendum. Oltre alle normali proposte e alle proposte speciali del Consiglio (come l'annullamento dello slashes), il Consiglio ha anche accesso alla Tesoreria “Treasury” di Polkadot. La Tesoreria è un account che accumula fondi grazie all'inflazione e prende una parte delle commissioni di transazione e degli slashes. Il Consiglio può presentare e approvare proposte per spendere questi fondi per sviluppatori, coinvolgimento della comunità o attività più complesse come l'utilizzo di bridge ed exchange decentralizzati per scambiare i propri DOT con altri token.

Quando il Consiglio vota sulle proprie proposte, i voti sono conteggiati per membro, non per quantità dello staking. Ciò rende difficile per i grandi detentori esercitare un potere indebito nella governance di Polkadot; potrebbero essere in grado di entrare nel Consiglio, ma non possono organizzare un referendum a bassa affluenza alle urne.

Oltre alle sue normali proposte e all'operazione della Tesoreria, il Consiglio può inviare transazioni da altre due origini speciali. In primo luogo, se il Consiglio approva una proposta con voto unanime, la proposta avrà una soglia di passaggio inferiore al referendum pubblico. In secondo luogo, una maggioranza di due terzi può decidere di annullare una proposta che ritiene pericolosa. Una proposta pericolosa potrebbe essere dannosa o semplicemente un bug scoperto in una proposta già in fase referendaria. [3]

Il Comitato Tecnico

Il Comitato tecnico funge da ultima linea di difesa di Polkadot contro gli errori del software. A differenza del Consiglio, il Comitato tecnico non è eletto tramite votazione, ma piuttosto selezionato dal Consiglio sulla base dell'aver fornito una specifica formale o una implementazione client del protocollo Polkadot.

Il comitato tecnico non può presentare proposte da solo, ma può piuttosto accelerare le proposte esistenti affinché si realizzino in un lasso di tempo più breve del normale. Se unanime, il Comitato Tecnico può saltare il ritardo di adozione (ne parleremo più avanti) ed emanare la proposta non appena passa.

Sebbene il Comitato tecnico non sia eletto, ha una portata limitata e le proposte che accelerano devono ancora passare attraverso un referendum pubblico. Possono solo fare in modo che la governance per le correzioni di bug critici avvenga più velocemente del normale, ma non possono controllare la rete.

Proposte: i semi del cambiamento

Tutte le decisioni di governance iniziano come una proposta e passano attraverso un referendum pubblico. Una proposta può essere una qualsiasi cosa di un insieme di funzioni privilegiate che non sono disponibili per la maggior parte degli utenti. Alcuni di questi sono semplici, come impostare il saldo di un conto. Altri impostano parametri di sistema come il numero di validatori. Le funzioni più potenti possono cambiare la logica di Polkadot stesso.

Le proposte possono iniziare in tre modi, vale a dire:

  • Dal pubblico, da qualsiasi Holder di DOT
  • Dal Consiglio, che consiste in Holder di token DOT eletti pubblicamente
  • Come risultato dell'emanazione di un'altra proposta

Indipendentemente dall'origin, una proposta inizia semplicemente come l'hash della chiamata della funzione privilegiata; la proposta vera e propria — la preimmagine dell'hash — deve essere registrata a parte, con un compenso relativo alla sua dimensione. Questa separazione impedisce un attacco in cui un utente potrebbe fare proposte che occupano grandi quantità di spazio nel database della chain. Chi propone può fornire l'immagine preliminare off-chain per la discussione dei token holder. Con questo metodo, un utente con pochi fondi ha ancora il potere di fare grandi proposte, a patto che qualche detentore di token più grande lo supporti abbastanza da registrare la sua preimmagine ed effettuare il deposito necessario a metterla on-chain.

Una coda di proposte pubbliche con tre proposte.

Ogni proposta ha un hash, un deposito e un proponente. Gli utenti possono registrare l'immagine preliminare, che contiene le informazioni sulla proposta effettiva, on-chain o discutere off-chain e attendere.

Qualcuno deve registrare la preimmagine prima dell'entrata in vigore.

Un numero qualsiasi di proposte pubbliche può esistere contemporaneamente, ma solo una può partecipare a un referendum pubblico durante ogni periodo di votazione per evitare conflitti, ad es. una proposta per impostare il conteggio dei validatori su 500 e un'altra per impostare il conteggio dei validatori su 600. Gli utenti possono "assecondare" le proposte che supportano, bloccando i token dietro di esse e la logica di governance selezionerà la proposta più supportata per un referendum.

Referendum Pubblici

Un principio fondamentale di Polkadot è che la maggioranza delle quote, definita come il numero totale di token in emissione, può sempre comandare la rete. Le blockchain sono veicoli economici e non comprendono i sistemi democratici una persona un voto. [4] Coloro che vogliono un'influenza nella direzione del sistema devono parteciparvi attivamente.

Le proposte devono passare attraverso un referendum pubblico in cui tutte le parti interessate possono esprimere la propria opinione. Ogni trenta giorni, il sistema di governance di Polkadot seleziona autonomamente la prossima proposta da sottoporre al referendum alternando l'attesa del Consiglio e le proposte pubbliche per garantire che le proposte pubbliche abbiano pari possibilità di raggiungere il referendum.

Sebbene Polkadot abbia organi rappresentativi, tutte le modifiche devono comunque passare attraverso un referendum pubblico. I referendum pubblici si alternano tra proposte pubbliche e del Consiglio, ma il Comitato Tecnico e il Consiglio possono collaborare per accelerare un aggiornamento tecnico critico.

Una volta iniziato un referendum, gli utenti possono iniziare a votare. Ma a differenza di altre blockchain, i voti non sono strettamente il numero di token detenuti in un account. Ogni voto arriva con una convinzione certa, un po' di skin in the game (non esiste traduzione per questo modo di dire). Per impostazione predefinita, gli utenti che hanno votato per una proposta approvata devono bloccare i token fino all'adozione della proposta. Questo blocco li fa rimanere nella rete e sopportare le ramificazioni del loro voto, mentre coloro che sono dalla parte dei perdenti del referendum sono liberi di uscire. Ma gli utenti possono aumentare il loro potere di voto impegnandosi nella decisione per un periodo di tempo più lungo e aumentando così la loro esposizione al risultato. Ogni raddoppio del tempo di blocco aumenta la potenza del voto di un utente, fino a sei volte il saldo dell'account (che sarebbe un blocco di 32 periodi di attuazione). [5] Questo meccanismo esiste per garantire che gli utenti con poco staking possano esprimere la loro convinzione nel referendum.

Alla fine del periodo di votazione, Polkadot conteggia i voti e calcola il risultato. Se la proposta passa, la logica di Polkadot la programma automaticamente per l'entrata in vigore, normalmente 30 giorni dopo, per dare il tempo ai servizi esterni di apportare le modifiche necessarie e a coloro che si oppongono alla decisione di uscire. I referendum accelerati, presumibilmente per una soluzione tecnica di emergenza, possono avere effetto immediato.

Bias adattivo del quorum

In nome della decentralizzazione, Polkadot permette a chiunque di proporre nuove idee, ma questo comporta una certa volatilità. Una delle comodità di un sistema centralizzato è che nessuno può proporre nuove idee. La distorsione adattiva del quorum consente a Polkadot di facilitare un cambiamento efficiente in un modo che protegge dalla volatilità.

Tutte le proposte pubbliche utilizzano ciò che viene chiamato bias adattivo positivo del quorum, il che significa che all'aumentare dell'affluenza alle urne, la soglia dei voti “aye” (si) richiesta per approvarla si abbassa. Poiché apportare una modifica al protocollo comporta dei rischi, questo sistema è stato progettato per favorire lo status quo. I risultati di molti voti controversi, ad es. Brexit, elezioni americane, si sarebbero annullate solo pochi giorni dopo. Il pregiudizio positivo garantisce che solo proposte non controverse passino. Anche se i referendum che utilizzano la polarizzazione adattiva positiva del quorum richiedono una super maggioranza per essere approvata quando l'affluenza alle urne è bassa, all'aumentare dell'affluenza alle urne la soglia di approvazione diventa una maggioranza semplice. Ciò preserva il principio fondamentale che la maggioranza dello stake può sempre comandare la rete.

La distorsione adattiva del quorum sintonizza la soglia di superamento in base all'affluenza alle urne in un referendum. Per le proposte pubbliche, minore è l'affluenza alle urne, maggiore è la soglia di superamento, favorendo lo status quo e impedendo a un grande detentore di token di far oscillare un voto a bassa affluenza. I referendum che hanno l'approvazione unanime del Consiglio hanno la soglia opposta. Quando l'affluenza si avvicina al 100%, tutte le soglie convergono a una maggioranza semplice.

Le proposte del Consiglio utilizzano normalmente una soglia di voto a maggioranza semplice. Poiché la proposta è già stata esaminata dal Consiglio, Polkadot accetta i rischi di un voto a maggioranza semplice per prendere la decisione. Gli unici referendum che utilizzano un pregiudizio negativo sono quelli per i quali il Consiglio ha votato all'unanimità. Questi richiedono una super maggioranza del pubblico per respingere il cambiamento, ma ancora una volta, con l'aumento dell'affluenza alle urne diventa una maggioranza semplice.

Decreto “Enactement”

Finora, una proposta si è spostata da qualche origine, che si tratti del Consiglio o del pubblico, e attraverso il sistema di voto di Polkadot, in cui le parti interessate hanno approvato o respinto la proposta. Le strutture di governance devono rendere conto delle loro decisioni a chi detiene il potere e Polkadot lo fa attraverso due meccanismi: blocco dei token e decreto autonomo.

Al termine della votazione su un referendum, le proposte di successo entrano in un periodo di blocco prima dell'emanazione; le proposte respinte vengono semplicemente scartate. Ricorda che tutti i voti in un referendum hanno una convinzione associata. Quelli dalla parte vincente sono bloccati e non possono trasferire i loro token fino alla fine del loro periodo di blocco.

Dopo aver atteso il periodo dell'enactment, il percorso di una proposta di successo raggiunge la sua apoteosi: l'enactment autonomo. In altri sistemi, i miner o i validatori hanno spesso il potere unilaterale di prevenire le modifiche al protocollo rifiutandosi di aggiornare il software. Ma su Polkadot non è così. Al termine del periodo di attuazione, Polkadot esegue la proposta senza alcuna interferenza umana.

Implementazione degli aggiornamenti del sistema

L'atto di governance più potente di tutti è un aggiornamento del runtime. Il runtime di una blockchain contiene i tipi di informazioni che memorizza e la logica a cui gli utenti possono accedere per modificare quei dati. È l'interfaccia verso l'utente, la funzione di transizione dello stato, la logica aziendale, il DNA.

La maggior parte delle emanazioni delle proposte avviene aggiornando gli elementi di archiviazione appropriati nel database della blockchain, ad es. modifica del conteggio dei validatori. Gli aggiornamenti di runtime sono gli stessi: Polkadot archivia la logica di runtime nel proprio database e include una funzione privilegiata per modificarla, ma gli aggiornamenti si basano anche su un altro aspetto del design di Polkadot. Da un livello elevato, un client Polkadot ha due parti: l'host e il runtime. L'host contiene tutta l'infrastruttura per eseguire il runtime, in particolare un ambiente di esecuzione WebAssembly. Esistono infiniti modi per implementare un host, e in effetti diversi team creano host su Polkadot. Ma c'è solo un runtime: poiché il runtime esiste nello stato, i nodi devono concordare che si trovi sulla stessa chain. In questo modo, Polkadot può eseguire l'aggiornamento senza che gli utenti installino aggiornamenti.

Kusama è stata la prima blockchain ad attuare un aggiornamento in questo modo. L'enactment autonomo rende Polkadot un sistema autopoietico — capace di generare attraverso le sue interazioni e processi — come un linguaggio di programmazione che si compila o un organismo che si evolve. Ancora più importante, la governance on-chain e l'attuazione autonoma forniscono all'agenzia* dei titolari di DOT o KSM il veicolo per esprimere le proprie opinioni e le garanzie sull'impatto che la loro espressione ha. I gruppi esterni non possono causare un hard fork solo perché non gli piace la proposta. I validatori devono verificare le transazioni nel protocollo e la modifica del protocollo stesso è una transazione, rendendo qualsiasi validatore che impedisce manualmente l'emanazione in una violazione del protocollo.

La governance on-chain e l'attuazione autonoma offrono ai token holder il veicolo per esprimere le proprie opinioni e le garanzie sull'impatto che la loro espressione ha.

Governance oltre la Relay chain

Questo articolo si è concentrato sulla governance della Relay chain. La governance, tuttavia, opera insieme ad altri sistemi come lo staking, che blocca i token per proteggere la rete. Gli utenti possono bloccare gli stessi token per più scopi, il che significa che lo stesso account può avere i suoi token vincolati per partecipare a NPoS e continuare a votare nei referendum. Il ritardo di 30 giorni per l'adozione della proposta è più lungo del periodo di svincolo dello staking di 28 giorni, in modo che gli utenti in staking che non sono soddisfatti dell'esito di un referendum possano interrompere lo staking e svincolarsi.

Inoltre, Polkadot isola lo staking e la governance. Altri protocolli PoS applicano diritti transitivi ai validatori per votare per conto dei loro sostenitori. In Polkadot, la nomina di una serie di validatori non conferisce loro alcun potere di voto nei referendum né impedisce al nominatore di votare da solo. Esistono validatori per garantire la disponibilità e la validità delle transizioni di stato per gli shard di Polkadot, le sue parachain e parathread, non governando le modifiche di runtime della relay chain.

Ad oggi, la maggior parte degli account su blockchain rappresentano individui o Smart-contract. Quindi si potrebbe fare il tacito presupposto che gli utenti e le parti interessate siano singoli token holder. Ma su Polkadot, le parachain sono l'utenza principale della sicurezza di Polkadot e hanno i propri account sulla Relay Chain con token bloccati. Con il sistema di blocco di Polkadot, le parachain possono avere la propria logica su come utilizzare i propri token bloccati per votare nei referendum. Inoltre, la logica parachain potrebbe controllare i token DOT di un individuo ma consentire comunque loro di esprimere i propri voti attraverso la parachain. [6] Ad esempio, una parachain senza il proprio token nativo potrebbe fornire agli utenti un indirizzo di deposito per i DOT ed emettere token di rappresentanza locale da utilizzare all'interno della parachain.

Guardando oltre la Relay Chain, ciascuna delle parachain di Polkadot ha anche il proprio runtime che memorizza nel proprio stato. Quando un validatore controlla un blocco parachain, il validatore esegue il blocco in base al runtime univoco della parachain a cui appartiene il blocco. Ma per il validatore, il runtime della parachain è solo un "blob" astratto di byte, una funzione WebAssembly chiamata "execute block"; in questo senso, tutte le parachain sembrano uguali. La magia qui è che ogni parachain può implementare la propria logica di governance, totalmente libera dall'influenza della Relay Chain, per aggiornare il proprio runtime. La capacità di proteggere blockchain uniche e indipendenti rende Polkadot una rete unita di sistemi sovrani.

Il sistema di governance di Polkadot fornisce diversi meccanismi per effettuare il cambiamento, un sistema di voto trasparente e aperto che impedisce ai singoli detentori di esercitare troppo potere e un sistema di emanazione autonomo che garantisce che le decisioni delle persone siano vincolanti. Per saperne di più su Polkadot e sugli argomenti trattati in questo articolo, come le elezioni di Phragmen e il pregiudizio adattivo del quorum, visita Polkadot Wiki.

Appunti

[1] Quando il sistema rileva un comportamento slashable, mette quello slashes in una coda e lo applica in un secondo momento, quindi c'è la possibilità di annullare uno slashes dopo il rilevamento ma prima dell'applicazione. Perché Polkadot non applica immediatamente lo slashes è una storia per un altro articolo.

[2] Le proposte del Consiglio hanno una soglia cardinale di passaggio, ad es. “16 su 23”, quindi astenersi equivale a votare no.

[3] In caso di controversia, il Consiglio può annullare una proposta solo una volta, quindi il pubblico può ancora scavalcare il Consiglio votando nuovamente su una proposta annullata.

[4] Questo merita una grossa nota a piè di pagina perché nell'introduzione ho usato l'esempio di una democrazia fittizia per avanzare l'argomento secondo cui il voto di una persona deve avere un certo potere. Le blockchain non hanno modo di tenere elezioni per una persona, un voto e rimanere senza autorizzazione allo stesso tempo. Una blockchain non può capire la cittadinanza come può fare un paese democratico. Piuttosto, una blockchain comprende i propri token come il mezzo principale di interazione con il mondo esterno. Il contrario è che la blockchain non ha mezzi per impedire a una persona di diventare un "cittadino" come fa un paese, il che significa che chiunque può avere voce in capitolo. Certamente qualche superpotenza democratica globale prende decisioni che influiscono sulla tua vita ma non ti fornisce i mezzi per esprimere la tua voce in materia a meno che tu non sia un cittadino. Chiunque può fare staking su Polkadot e il protocollo fornisce le primitive che rendono significativo mantenere lo staking.

[5] Gli utenti possono votare anche senza blocco, ma ricevono solo il 10% della forza di voto normale.

[6] Una cosa che le parachain non possono fare con questi account è partecipare allo staking. Il costo opportunità del non staking è il costo dell'affitto di uno slot parachain.

Rimanete aggiornato

Per stare al passo con i continui cambiamenti di governance su Polkadot, unisciti al canale Polkadot Direction Riot.

Abbiamo fornito molti modi ai membri della più ampia comunità di Polkadot per tenersi aggiornati su quello che sta succedendo. Unisciti a noi sul tuo mezzo preferito.

Partecipa alla discussione su Telegram e Riot o iscriviti alla newsletter di Polkadot. Scopri di più su Polkadot in Polkadot Lightpaper e Polkadot Wiki. Stai cercando di convalidare su Polkadot? Unisciti alla sala di convalida di Polkadot su Riot.

A Unified Forum & Governance Portal

Yung Beef 4.2

Decentralized Futures: Presentazione di OpenGov.Watch

Decentralized Futures: Presentazione di OpenGov.Watch

La Web3 Foundation ha annunciato OpenGov.Watch tra i beneficiari di uno dei finanziamenti facenti parte del loro Decentralized Futures Grant. Questo v

Polkadot Arena

Liquidity Loan Proposal #432 will be up until 16.02!

Liquidity Loan Proposal #432 will be up until 16.02!

🗳 http://polkadot.polkassembly.io/referenda/432 Bifrost pushed independently this proposal, requiring a loan of 500k DOT to be repaid in full - with

SuperDupont

Bifrost Governance update 🔊

Bifrost Governance update 🔊

👉🏼 Now users can participate in the Governance of Polkadot and Kusama, using their vDOT and vKSM from Bifrost UI. https://bifrost.app/vstaking/vDOT

SuperDupont